Cos’è?

L’APE (ex ACE) è un documento che descrive le caratteristiche energetiche di un edificio, di un’abitazione, di una unità immobiliare in genere. E’ uno strumento di controllo che sintetizza con una scala da A4 più efficiente) a G (meno efficiente) le prestazioni energetiche degli edifici. Oltre ad essere obbligatorio al momento dell’acquisto o della locazione di un immobile, è utile per informare l’utente sul consumo energetico annuale atteso, e per stimare il valore commerciale dell’immobile in funzione delle proprie prestazioni energetiche (maggior o minor risparmio).

L’Attestato di Prestazione Energetica (APE) non va confuso con l’Attestato di Qualificazione Energetica (AQE).

Quando è obbligatorio redigere la Certificazione Energetica?

Nei seguenti casi:

·       Compravendita: trasferimenti a titolo oneroso (es. rogito, permuta)

·       Donazione: trasferimenti a titolo gratuito

·       Affitto di edifici o singole unità immobiliari

·       Annunci di vendita o di affitto di unità immobiliari

·       Edifici di nuova costruzione, al termine dei lavori

·       Ristrutturazione importante: quando i lavori riguardano oltre il 25% della superficie dell’involucro edilizio (pareti e tetti), di riqualificazione energetica, variazioni impiantistiche, ecc.

·       Edifici pubblici ed aperti al pubblico

·       Per tutti i contratti nuovi o rinnovati per gestione degli impianti termici o di climatizzazione di edifici pubblici.

Quali sono i casi di esclusione dell’APE?

Sono quelli individuati dall’art.3 comma 3 del DLgs 192/2005 e richiamati anche dall’appendice A del DM 26/06/2015:

·   gli edifici industriali e artigianali quando gli ambienti sono riscaldati per esigenze del processo produttivo o utilizzando reflui energetici del processo produttivo non altrimenti utilizzabili, ovvero, quando il loro utilizzo e/o le attività svolte al loro interno non ne prevedano il riscaldamento o la climatizzazione;

·       gli edifici agricoli e rurali non residenziali sprovvisti di impianti di climatizzazione;

·    i fabbricati isolati con una superficie utile totale inferiore a 50 mq salvo le porzioni eventualmente adibite ad uffici e assimilabili, purché scorporabili ai fini della valutazione di efficienza energetica;

·  gli edifici che risultano non compresi nelle categorie di edifici classificati sulla base della destinazione d’uso di cui all’articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412, il cui utilizzo standard non prevede l’installazione e l’impiego di sistemi tecnici di climatizzazione, quali box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi, strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi;

·       gli edifici adibiti a luoghi di culto e allo svolgimento di attività religiose;

·       i ruderi, purché tale stato venga espressamente dichiarato nell’atto notarile;

·    i fabbricati in costruzione “al rustico” o nello stato di “scheletro strutturale” purché tale stato venga espressamente dichiarato nell’atto notarile.

Chi può rilasciare l’attestazione?

L’APE può essere redatto da un Certificatore Energetico abilitato ai sensi del Regolamento 75/2013.

 

Quali sono i Servizi Professionali e gli obblighi del Certificatore?

Devono essere conformi alle Linee Guida Nazionali (DM 26/06/2015) e comprendere le seguenti attività:

       Attività preliminari

      ·       Informativa del soggetto Certificatore al Committente

      ·       Lettera d’Incarico al soggetto Certificatore

       Attestazione della prestazione energetica

      ·       Determinazione della prestazione energetica:

     o    Esecuzione di un rilievo diretto dell’immobile in oggetto

     o    Eventuale verifica di progetto, se reperibile

     o    Reperimento e analisi dei dati di ingresso (stratigrafie, impianti, ecc.)

     o    Esecuzione dei Calcoli applicando il corretto metodo

     o    Espressione degli indici di prestazione energetica in termini di energia primaria

     o    Individuazione degli interventi di miglioramento dell’Efficienza Energetica

     ·       Classificazione dell’edificio

     ·       Redazione dell’Attestato di Prestazione Energetica

     ·       Registrazione e consegna dell’Attestato

Si distinguono i due seguenti casi:

     1.     Edifici nuovi o soggetti a ristrutturazione importante

     2.     Edifici esistenti

   Vedi:  PROCEDURA di Attestazione di Prestazione Energetica  >>>

   Vedi anche:

Esempio di Attestato APE  >>>

Guida Notai 2015 per l’APE  >>>

Voto Utenti
[Totale: 0 Media: 0]